Iraniana,  Lievitati salati

Bagel di Gerusalemme

I bagel di Gerusalemme o Jerusalem bagel sono la proposta di questo mese della ReCake 2.0.  Il bunker più famoso di Facebook…

Non sempre riesco a partecipare, ma quando si tratta di lievitati non mi tiro indietro, soprattutto con una ricetta cosi buona e facile da fare.

Il nome può far pensare ai bagel di New York, ma in realtà sono diversi, tra loro più che nella realizzazione nella cottura. I bagel newyorkesi, dalla forma rotonda ed un buco al centro, subiscono una doppia cottura, prima in acqua per qualche minuto e poi in forno.

Anche i bagel di Gerusalemme hanno un buco al centro, ma dalla forma più allungata vengono cotti solo in forno. Ricoperti da semi di sesamo (anche se io ho voluto variare con semi di papavero e semi di zucca) il risultato è un prodotto dalla crosta croccante e una mollica morbida.

Venduti in origine nelle bancarelle dei mercati come cibo di strada, oggi i bagel di Gerusalemme si trovano in tutte le panetterie del paese. Vengono solitamente consumati immersi nella za’atar, una miscela di erbe aromatiche e spezie o accompagnato con dei formaggi.

Ma sono buonissimi anche semplici appena sfornati.

Bagel di Gerusalemme

Piatto Lievitati Salati
Cucina Iraniana
Preparazione 10 minuti
Cottura 18 minuti
Tepo di lievitazione 1 ora 25 minuti
Tempo totale 28 minuti
Porzioni 6 persone
Daniela Pennisi

Ingredienti

  • 300 g farina 00
  • 200 g di farina di semola
  • 2 cucchiai zucchero
  • 2 cucchiaini sale
  • 375 ml latte tiepido
  • 7 g lievito di birra secco
  • 1 cucchiaino lievito per dolci (non vanogliato)
  • q.b. Olio extravergine di oliva

Per la copertura:

  • q.b. semi di sesamo
  • q.b. semi di zucca
  • q.b. semi di papavero
  • Acqua

Istruzioni

  1. Mettete le farine, lo zucchero, il sale, il latte, il lievito di birra e quello per dolci nella ciotola della planetaria (o in una ciotola capiente, se lavorate a mano). Impastate il tutto a media velocità per un paio di minuti, finché l’impasto non formerà una palla.

  2. Ungete la superficie dell’impasto con poco olio, coprite la ciotola con un canovaccio e fate lievitare fino al raddoppio, per circa un’ora.
  3. Dopo un’ora, quando l’impasto sarà raddoppiato, sgonfiatelo e capovolgetelo su una superficie leggermente infarinata. Dividete l’impasto in sei parti uguali. Prendete un pezzo di impasto e formate una pallina. Affondate il pollice al centro della pallina e spingete per creare un foro. Allungate l’impasto verso l’esterno fino a creare un ovale di circa 15cm di lunghezza, usando le dita per tirare l’impasto per allargare il foro quanto più potete.
  4. Procedete allo stesso modo con gli altri pezzi di impasto. Lasciate riposare i bagel formati per 15 minuti.
  5. Preriscaldate il forno a 190ºC, quindi rivestite due teglie dai bordi bassi con carta forno o dei tappetini in silicone.
  6. Prendete i bagel e passateli velocemente nell’acqua e poi nei semi a piacere (  di sesamo, di papavero e di zucca) ricoprendoli. Risistemate la forma dei bagel, allargando ancora il foro centrale. Non pensate che siano troppo larghi, devono essere così. Se non li allargate abbastanza rischiate che i fori si richiudano. Sistemate i bagel nelle teglie e fate riposare per altri 10 minuti.

  7. Cuocete i bagel in forno caldo per circa 15-18 minuti (nel mio forno 18), ruotando le teglie ogni tanto affinché cuociano uniformemente, finché i bagel non sono ben dorati. Sfornate i bagel e fateli intiepidire prima di mangiarli.
  8. Servite i bagel tiepidi o a temperatura ambiente con hummus, baba ganoush o semplicemente una ciotolina di olio extravergine e dello za’atar.

Note

I bagel sono migliori se mangiati il giorno stesso, ma sono perfetti anche se congelati, scongelati per un’oretta a temperatura ambiente e poi passati nel forno caldo per 2 minuti. Saranno come appena sfornati.

 

Ciao sono Daniela, moglie e mamma quasi a tempo pieno. Amo i dolci, soprattutto i prodotti da forno, semplici, dai profumi inebrianti, senza troppe pretese. Un semplice biscotto può rendere la vita migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.