bucclellato siciliano natalizio con fichi e cioccolato
Dolci Natalizi

IL Buccellato Siciliano.

Oggi voglio raccontarti la storia di un dolce legato alla mia tradizione, il buccellato siciliano. Un dolce molto antico dalla forma a ciambella, composta da una frolla ripiena di frutta secca, canditi e cioccolato, realizzato in onore del natale.

La sua esecuzione non è complicata, ma attorno ad essa c’è un rituale, che a mio parere cattura una parte dello spirito natalizio. Ancora oggi, in alcuni paesi siciliani, delle donne appartenenti a nuclei familiari diversi, si riuniscono tutti nella stessa casa. Insieme lavorano e collaborano per realizzare i buccellati da regalare a amici e parenti durante le festività.

Una rituale antico ma mio avviso bellissima.  E tu che ne pensi?

Ma se ti va ti racconto meglio come nasce il buccellato siciliano o “u cuccidatu” in dialetto. Il  cui nome deriva dal latino “buccellatum”. un pane a forma di ciambella, che gli imperatori dividevano in piccoli bocconi con il popolo, proprio durante le feste.

buccellato siciliano con fichi e coltello

 

Il buccellato arriva in Sicilia.

 

Quest’antico dolce arriva in Sicilia nel medioevo grazie ai lucchesi e al loro omonimo buccellato. Un pane dolce lavorato in un unico impasto con dell’uvetta passa.

Inizia così la diffusione del buccellato nel territorio siciliano, che sotto l’influenza araba si arricchisce di fichi secchi, scorze d’arancia, zuccata e mandorle. E se in origine tutto veniva amalgamato insieme in un unico impasto, nel tempo con l’evoluzione della pasticceria siciliana, iniziano ad essere preparati due impasti distinti, la frolla e il ripieno.

Portando questo dolce, sia dal punto di vista estetico che nel gusto, ad un livello superiore.

Devi sapere che a seconda del paese o della casa dove vai, il ripieno subisce piccole modifiche negli ingredienti. Quello che non varia è la base di partenza, composta da fichi tritati e fatti macerare possibilmente una notte, con il resto degli ingredienti.

Ai fichi si aggiungono tutti o una parte di questi ingredienti, uva sultanina, mandorle, noci, pinoli, cioccolato, scorze d’arancia, zuccata e spezie come chiodi di garofano e cannella. In fine per amalgamare l’impasto si aggiunge del miele, della marmellata d’arancia e del marsala. Ti sembra tanto vero? Ma credimi è tutto ben equilibrato.

buccellato siciliano con fichi natalizio

Infine il tutto si racchiude in una frolla creando la forma a ciambella, e la superficie  viene lavorata con una pinza dentellata che crea un effetto merlettato che lascia intravedere il ripieno. Una volta cotta in forno, la superficie viene spennellata con del miele e decorato con granella di pistacchio o ciliegie candite. O semplicemente ricoperta con dello zucchero a velo, come ho fatto io.

Si lo so, ti sembrano ancora tanti gli ingredienti, ma ricorda che solitamente non si usano tutti.  Io ad esempio non ho usato pinoli e chiodi di garofano ed ho optato per una semplice copertura con lo zucchero. Inoltre, e questa è una nota importante,  si conserva tranquillamente per un lungo periodo.

Ma hai sentito parlare dei buccellatini?

buccellato siciliano con ripieno di fichi

Sono dei biscotti di frolla, dei piccoli tozzetti, ripieni con gli stessi ingredienti del buccellato ma dalla forma a spirale o a cornetto. E ricoperti con zucchero a velo o glassa di zucchero e diavolicchi (codette colorate).

Hai provato questa ricetta?

Se hai provato questa ricetta sarò felice di vederla e condividerla su Facebook, Instagram e Twitter. Scatta una foto e condividila taggando @laboulangeriep e usando l’hashtag #laboulangeriep

Buccellato Siciliano

Un antico dolce siciliano composto da una frolla e un ripieno di fichi e spezie

Piatto dolci natalizi
Cucina Siciliana
Keyword buccellato, dolci natalizi
Preparazione 1 ora
Cottura 30 minuti
riposo in frigo 1 day
Tempo totale 1 day 1 ora 30 minuti
Porzioni 8 persone
Daniela Pennisi

Ingredienti

Frolla

  • 500 g di Farina 00
  • 150 di Burro Freddo
  • 150 g di Zucchero Semolato
  • 1 Uovo
  • Scorza di un'arancia
  • 8 g di Ammoniaca per Dolci
  • 50 ml Di Latte a temperatura

Ripieno

  • 100 g di Uva Sultanina
  • 100 g di Fichi Secchi tritati
  • 75 g di Mandorle Tostate tritate
  • 75 g di Noci tritate
  • 100 g di Cioccolato Fondente tritato
  • 1 Cucchiaio di Marmellata d'Arancia
  • 1 Cucchiaio di Miele
  • 120 ml di Marsala
  • 5 g di Cannella in Polvere
  • 1 Scorza di un'Arancia
  • q.b. Zucchero a velo

Istruzioni

Ripieno

  1. Metti a riposare in acqua calda l'uvetta, per almeno trenta minuti. Elimina i piccioli dai fichi secchi, tagliateli a cubetti e versali in una pentola con la cannella e il marsala. Mescola e lascia cuocere a fuoco dolce per circa 5 minuti. Lascia raffreddare.

  2. Quando i fichi saranno freddi aggiungi il resto degli ingredienti, l'uvetta sgocciolata, le mandorle e le noci tritate, il cioccolato, la marmellata, il miele e la scorza d'arancia. Amalgama bene il tutto, copri e lascia riposare una notte in frigo.

Frolla

  1. Versa in un recipiente la farina setacciata, lo zucchero e il burro a cubetti, lavora tutto insieme fino ad ottenere un composto sabbioso.

  2. Aggiungi la scorza d'arancia, l'ammoniaca sciolta in due cucchiai di latte e l'uovo. Continua ad impastare aggiungendo molto lentamente il latte restante.

  3. Devi ottenere un composto ben compatto ed amalgamato, copri con pellicola e lascia riposare almeno 1 ora in frigo.

Composizione del Buccellato

  1. Stendi la pasta frolla fino ad uno spessore di 4mm. Versa al centro il ripieno e richiudi su se stesso in modo da formare un cilindro. Elimina la frolla in eccesso e fai leggermente pressione nel punto di giuntura della frolla, per sigillare bene.

  2. Posiziona verso il basso il punto di giuntura, chiudi il buccellato in modo da formare una ciambella e sigilla bene.

  3. Con una pinza dentellata incidi tutta la superficie della frolla. Posiziona il dolce su una placca con carta forno, ed infornate a 200° per circa 30 minuti. Sforna e fai raffreddare su una gratella. Spolverizza con zucchero a velo.

Note

Se prepari il ripieno la sera prima, i sapori si amalgameranno meglio.

Il buccellato siciliano si conserva bene per un lungo periodo, possibilmente in una scatola per biscotti.

Se vuoi renderlo ancora più elegante, una volta cotto, spennella la superficie con della confettura d'arancia o di albicocca sciolta con un po d'acqua. Rimetti in forno per altri cinque minuti ed una volta freddo decora con i canditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici + diciannove =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

AutoreDaniela Pennisi

Ciao sono Daniela, moglie e mamma quasi a tempo pieno. Amo i dolci, soprattutto i prodotti da forno, semplici, dai profumi inebrianti, senza troppe pretese. Un semplice biscotto può rendere la vita migliore.

https://www.instagram.com/laboulangeriep/