cuddura cu l'ova e zuccherini
Dolci Pasquali

Cuddura cu l’ova, la ricetta di mia zia Ignazia.

A “cuddura cu l’ova “ è un dolce tipico della tradizione pasquale siciliana. A seconda di dove vi recate prende nomi e forme diverse. Nel catanese viene proprio chiamato così cuddura cu l’ova, i palermitani lo chiama pupo cu l’ovu e nel trapanese camapanaru.

A cuddura non è altro che un biscotto di frolla realizzato tradizionalmente con strutto, ammoniaca, zucchero, farina e uova. Decorato con uova sode e zuccherini colorati, e intagliati con forme diverse, come la campana, la colomba (aceddu cu l’ova) a cerchio con intrecci o a cuore per gli innamorati.

cuddura cu l'ova con farfalle di frolla

Ma cos’è realmente questa cuddura cu l’ova?

In realtà la cuddura cu l’ova è il dolce della tradizione, quello della mia infanzia. Quello che ci veniva regalato a pasqua e che se non avevamo già consumato tuto, lo portavamo con noi per pasquetta. Avendo così sia lo stuzzichino salato che il dolce.

Quella preparava mia nonna ma soprattutto mia zia. Ignazia, capello rosso e viso ricco di lentiggini. Era tradizione che per pasqua lei portasse le cuddure, questo biscotto super gustoso, che ancora oggi, mentre scrivo ne sento il profumo e il gusto. Ancora impresso nella mia mente questo classico biscotto casereccio, che per poter mangiare dovevi aprire tutta la bocca talmente era grande…

Così mentre ero in cucina con mia sorella e pensavo di preparare le cuddure, le nostre menti sono andate a lei…. “Ti ricordi le cuddure della zia? Chiamala e fatti dare la ricetta”. Detto fatto.

Vi confesso una cosa, Ho fatto la ricetta ben quattro volte. Non perché non era buona, ma non erano come le sue, mancava la sensazione del biscotto rustico in bocca. Ed alla fine ho capito. Era lo spessore della frolla. Si lo so, una cosa troppo banale, per essere vera? No lo è.

Mi concentravo su altro e non su quello che determinava l’aspetto e gusto rustico, il suo spessore.

Cosa vuol dire che se la stendo più sottile non verrà buona? Certo che sì. Ma in realtà quello che volevo regalarvi era proprio il ricordo del mio passato. La cuddura che faceva mia nonna e poi mi a zia. E lo spessore in questo caso ha fatto la differenza.

cuddura cu l'ova e rosa

I miei consigli quando realizzate le cuddure.

  • Se avete la possibilità utilizzate lo strutto, ma anche il burro va benissimo nelle stesse quantità.
  • Non utilizzate il lievito, ma l’ammoniaca per dolci. Fa sviluppare il biscotto in modo diverso.
  • Se volete ottenere una frolla rustica, come un biscotto da inzuppo, stendete l’impasto circa cm 0,5 . Ma va bene anche più sottile.
  • La tradizione prevede l’uovo sodo come decoro, ma potete utilizzarlo anche crudo. Nel caso vogliate utilizzarlo crudo, ricordate di lavarlo bene e asciugarlo prima di posizionarlo. E di prestare attenzione poiché è più fragile rispetto ad un uovo sodo.
  • Date spazio alla fantasia.

cuddura cu l'ova e farfalla

Se provate la mia ricetta, fatemi sapere la vostra opinione o condividetemi i vostri scatti. Sarò felice di pubblicarle in questa pagina e sui miei social.

Cuddure cu l'ova

Dolce tipico della tradizione siciliana pasquale.

Piatto Dolci Pasquali
Cucina Italiana, Siciliana
Keyword cuddura cu l'ova
Preparazione 10 minuti
Cottura 20 minuti
Riposo In Frigo 30 minuti
Tempo totale 30 minuti
Porzioni 2 pezzi
Daniela Pennisi

Ingredienti

  • 250 g di Farina00
  • 100 g di Zucchero
  • 4 g di Ammoniaca per Dolci
  • 3 cucchiai di Latte
  • 1 Uovo
  • 60 g di Burro a temperatura ambiente
  • 1 Bustina di vanillina o 1 cucchiaio di vaniglia
  • 2 uova sode
  • q.b. codette colorate
  • un tuorlo+ latte

Istruzioni

  1. Sciogliete l'ammoniaca in un po’ di latte caldo.

    Versate in un recipiente la farina con lo zucchero e il burro morbido a pezzetti, iniziate a lavorare l'impasto. Aggiungete l'uovo e l'ammoniaca sciolta nel latte, continuate a lavorare. Quando tutti gli ingredienti si saranno amalgamati, versate l'impasto su un piano infarinato e lavoratelo fino a quando non otterrete un composto morbido e compatto.

    Coprite con pellicola e fate riposare in frigo per circa 30 minuti.

    Stendete l'impasto con il mattarello, nello spessore di cm 0,5 (o più sottile se preferite) ritagliate le forme che volete, posizionate l’uovo sodo. Con l’impasto rimasto create delle striscioline o delle trecce per fermare l’uovo.

    Spennellate con il tuorlo sbattuto con un po’ di latte e decorate con le codette colorate, infornate a 180 ° (forno preriscaldato) circa 20/25 minuti, secondo lo spessore della frolla.

    Sfornate e fate raffreddare.   

Note

  • Con la frolla rimasta potete ricavarne dei deliziosi biscotti a forma di coniglietto o farfalle.
  • Potete conservare le cuddure fino a tre, quattro giorni in un contenitore ermetico.
  • Se volete regalarle, preparatele due  giorni prima e quando si saranno raffreddate bene , confezionatele con un sacchetto trasparente e un po di paglia colorata. 

Ciao sono Daniela, moglie e mamma quasi a tempo pieno. Amo i dolci, soprattutto i prodotti da forno, semplici, dai profumi inebrianti, senza troppe pretese. Un semplice biscotto può rendere la vita migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.