frittelle di mele del trentino alto adige

Non è carnevale se non si gusta un dolce fritto e nella lunga lista, le frittelle di mele non possono sicuramente mancare. Un dolce tipico dei territori del nord Italia come il Trentino Alto Adige, dove avviene una delle più importanti produzioni di mele.

Sapete che alcune tra le più famose aziende produttrici si trovano lì? Nell’Alto Adige, ad esempio troviamo la Sudtirol e Marlene produttrici di qualità di mele come la royal gala e la strak delicius.

Nella Valle di Non del Trentino troviamo invece la Melinda produttrice di mele come la renetta e la golden delicius. La prima dalla buccia dura e il sapore acidulo, adatta a dolci come lo strudel, mentre la golden (la mela che amo in assoluto), dolce e croccante che secondo me è la più adatta per le frittelle di mele.

frittelle di mele per carnevale

Fatto un piccolissimo cenno al Trentino e alla sua produzione di mele, torniamo all’argomento più importante, le frittelle di mele.

Come sapete esistono diverse versioni di questo dolce, ma oggi ho voluto provare la proposta di un grande maestro Iginio Massari.

Dei piccoli bon bon, croccanti fuori e morbidi dentro, con un ripieno di mele, uvetta e moscato e la cui preparazione molto semplice, ricorda la realizzazione della pasta choux.

Vorrei anche precisare che nella mia preparazione ho dovuto apportare una modifica, sostituendo l’uvetta (che a casa mia non amano) con delle noci. Avrei potuto semplicemente evitare di metterla, ma avevo la sensazione che mancasse un elemento, ed il risultato è stato ottimo.

Fammisapere se haiprovatoquestaricetta e tièpiaciuta.

Frittelle di Mele e Noci

Piccoli Bon Bon croccanti fuori e morbidi dentro con ripieni di mele e noci e moscato

Piatto Carnevale
Cucina Italiana
Keyword dolci di carnevale, frittelle di mele
Preparazione 15 minuti
Cottura 15 minuti
Tempo totale 30 minuti
Porzioni 6 persone
Daniela Pennisi

Ingredienti

  • 300 gr Moscato
  • 200 gr Burro
  • 5 gr Sale
  • 280 gr Farina 00
  • 400 gr Uova
  • 300 gr Mele
  • 50 gr Noci aggiunti in sostituzione dell'uvetta
  • 200 gr Uva Sultanina io non ne ho messa
  • q.b. Zucchero Semolato
  • q.b. Olio di Arachidi

Istruzioni

  1. Versate il moscato, il burro e il sale in una pentola sul fuoco dolce, non appena il burro si sarà sciolto, gli ingredienti amalgamati e inizierà a sobbollire spostate la pentola dal fuoco e versate la farina, tutta in una volta, mescolate velocemente onde evitare la formazione di grumi.

    Rimettete la pentola sul fuoco e continuate a mescolare, quando si staccerà l’impasto dalle pareti e inizierà a sfrigolare spegnete.

    Versate l’impasto nella planetaria con il gancio a foglia, a velocità minima, e attivatela in modo da far raffreddare il composto (potete effettuare quest’operazione anche manualmente).

    Nel frattempo sbucciate e tagliate a piccoli cubetti le mele e tritate grossolanamente le noci.

    Una volta che il composto si sarà intiepidito incorporate un uovo alla volta, ed aggiungete le mele e le noci.

    Se volete una orma più regolare delle sfere, versate l’impasto in una sac a poche dal foro ampio e formate delle palline su un po’ di carta forno, definite meglio la forma e fate scivolare delicatamente l’impasto nell'olio bollente.

    Se volete essere più veloci direttamente con la sac a poche versate un po’ d’ impasto alla volta nella pentola con l’olio bollente, e fateli cuocere qualche minuto finché non diventano dorate, sgocciolatele e spolverate con zucchero a velo.

 

 

Condividere
Scritto da Daniela Pennisi
Ciao sono Daniela, moglie e mamma quasi a tempo pieno. Amo i dolci, soprattutto i prodotti da forno, semplici, dai profumi inebrianti, senza troppe pretese. Un semplice biscotto può rendere la vita migliore.