UA-109815406-1
seada sarde con miele
Dolci Pasquali

Le Seada, la ricetta originale sarda.

Le Seada conosciute anche come seadas sono dei dolci dell’antica tradizione sarda. Dei dischi di pasta di semola ripieni di formaggio di pecora fresco inacidito, fritti e ricoperti di miele caldo, principalmente di corbezzolo o castagno.

Un piatto dalle origini povere che nasce inizialmente come portata principale da offrire ai pastori al rientro dal pascolo in montagna. Solo in un secondo tempo con l’aggiunta del miele locale entra nella categoria dei dolci sardi. Preparate principalmente per le feste 

pasquali, oggi per fortuna è possibile trovarli tutto l’anno.

seada sarde con pecorino

Se l’origine del dolce è certa, quella che lascia dei dubbi è quella del nome.

Qualcuno afferma che sia spagnola, ed indichi i due involucri di pasta che avvolgono il ripieno. Ma qualcuna l’altro afferma che derivi dal termine latino sebum, che indicherebbe il grasso animale utilizzato nella preparazione.

Indifferentemente dall’origine del nome, la nota positiva è che le seada sono veramente semplici da preparare. Un dolce composto da quattro elementi fondamentali per la sua realizzazione: la semola, lo strutto o l’olio evo, il pecorino fresco inacidito e il miele.

La prima volta che ho provato questa ricetta è stata circa un mese fa, per il contest realizzato dall’ AIFB con il caseificio Il Fiorino, per la quale ho preparato le seada al cioccolato. Una vera sorpresa, che abbiamo spazzolato via in pochissimo tempo.

seada sarde ripiene

Oggi voglio proporvi la versione tradizionale delle seada, anche se … e qui un se sono costretta a metterlo, il formaggio utilizzato non è sardo.  A Malta diventa veramente difficile reperirlo.

Ho comunque utilizzato un pecorino di alto valore, ed avendo ancora a disposizione i formaggi toscani del caseificio il Fiorino, ho scelto il Fior di Natura semi stagionato biologico.
Il risultato è stato ottimo, ma se avete la possibilità di reperire un pecorino fresco e sardo vi consiglio di utilizzarlo in onore della tradizione.

Se provate la mia ricetta fatemi sapere cosa ne pensate, per me è importante.

Seada Sarde

La seada un dolce tipico sardo, fritto con un ripieno di formaggio e ricoperto di miele 

Porzioni 8 persone
Daniela Pennisi

Ingredienti

  • 500 g di Farina di Semola
  • 50 g di Strutto o olio evo
  • 240 g di Acqua tiepida
  • 500 g di Pecorino Fior di Natura Caseificio il Fiorino
  • Scorza di Limone o Arancia
  • q.b Olio per Friggere
  • q.b. Miele di corbezzolo o castagne
  • q.b. Granella di Noci non necessaria

Istruzioni

  1. Sciogliete il sale nell'acqua ed aggiungetela alla farina piano piano. Impastate bene il tutto e incorporate lo strutto un po alla volta. Lavorate finch'è l'impasto non avra assorbito tutto lo strutto e l'impasto sarà morbido e compatto. Coprite e lasciate riposare il tempo necessario per preparare il ripieno.

  2. Tagliate a cubetti il pecorino Fior di Natura, versatelo in una padella e fatelo fondere a fiamma dolce. 

    Non appena il formaggio si sarà fuso bene diventando una crema, aggiungete la scorza d’arancia o di limone. ( se preferite enttrambi), versatelo su un tagliere di legno e formate dei dischi alti 1 cm circa e di 10 cm diametro, lasciate raffreddare.

  3. Stendete la pasta sottile e ricavatene dei dischi leggermente più grandi  di circa 12 cm.

    In una metà dell'impasto appoggiate il disco di pecorino aromatizzato e ricoprite con l'altra metà del disco di pasta. Fate pressione con i polpastrelli lungo i bordi per evitare la fuoriuscita del formaggio durante la cottura.

    Rifilate i bordi delle seadas con un tagliapasta dentellato e immergetele una alla volta nell'olio ben caldo. Fatele cuocere circa 1 minuto per lato o finch'è non saranno dorati.

  4. Tolte dal fuoco, tamponate delicatamente con un tovagliolo le seadas per eliminare l'olio in eccesso, sistematele su un piatto da portata, versate il miele caldo e servite subito. 

Note

La ricetta originale non lo prevede ma io ho voluto aggiungere anche un po di granella di noci per risaltare il contrasto croccante morbido.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

AutoreDaniela Pennisi

Ciao sono Daniela, moglie e mamma quasi a tempo pieno. Amo i dolci, soprattutto i prodotti da forno, semplici, dai profumi inebrianti, senza troppe pretese. Un semplice biscotto può rendere la vita migliore.